Fran Drescher pensa in grande: intervista a Vanity Fair

Fran Drescher pensa in grande: intervista a Vanity Fair

La tata sta cavalcando un’onda di nostalgia e c’è un musical in lavorazione, ma il presidente Drescher è concentrato sugli oltre 160.000 artisti per cui è stata eletta a presidentessa.

26 gennaio 2022 di Joy Press per Vanity Fair

Alcuni attori si fondono così indelebilmente con un unico personaggio che anche decine di anni dopo è difficile separarli. Il nome Fran Drescher fa scattare immediatamente le visioni di Francesca Cacace ne La Tata: una fantasia di miniabiti color caramella, una montagna di capelli e una risata adenoidea che colpisce da qualche parte tra l’allarme dell’auto e il rantolo della morte. In un’epoca in cui le commedie familiari della TV di rete tendevano genericamente a essere di gente bianca e altolocata, l’allora attore 36enne ha creato un ruolo per se stessa come una ragazza ciociara affascinante e sfacciata della classe operaia del Queens che ha insegnato al suo lussuoso datore di lavoro (e ai milioni di telespettatori dello show) proverbi ciociari, per non parlare dei piaceri della canasta e delle torte di ricotta.

È difficile far quadrare l’eccesso di moda degli anni ’90 de La Tata con la donna che mi saluta su Zoom indossando un semplice top con spalline sottili e capelli sciolti, il viso spogliato dal trucco e la voce rassicurante. È Drescher unplugged e, seduta nella casa della sua famiglia nel sud della Florida, sembra la influencer che è. Negli oltre due decenni dalla fine de La Tata, la Drescher ha creato l’organizzazione no profit Cancer Schmancer dopo un attacco di cancro uterino e ha contribuito a convincere il Congresso ad approvare il Gynecologic Cancer Education and Awareness Act, che è diventato legge nel 2007. Ha servito come Inviato della diplomazia pubblica del dipartimento per la salute degli Stati Uniti d’America, in giro per il mondo per sostenere la salute delle donne e la prevenzione del cancro.

Fran-Drescher-eletta-presidente-SAG-AFTRA

Quindi, quando l’attore Gabrielle Carteris l’anno scorso stava cercando di dimettersi dalla presidenza della Screen Actors Guild-American Federation of Television and Radio Artists, Drescher sembrava una scelta ovvia come successore. Nel settembre 2021, dopo una campagna contro Matthew Modine, che si è posizionato più come una testa calda, è stata eletta a capo del sindacato dell’intrattenimento e dei media. “Tutti i maestri Zen dicono di non provare a nuotare controcorrente, lascia che la vita venga da te”, dice Drescher, gesticolando con grazia. “Quando mi è arrivata questa opportunità di candidarmi, ho davvero pensato, questo sembra essere un amalgama di molti dei miei punti di forza e dei miei risultati che arrivano insieme a un punto in questo momento decisivo”.

È anche un momento cruciale per SAG-AFTRA, che rappresenta circa 160.000 artisti e professionisti dei media. Le guerre in streaming hanno inaugurato un nuovo livello di sconvolgimento e altri sindacati dell’industria dell’intrattenimento come l’Alleanza internazionale dei dipendenti teatrali e la Writers Guild of America hanno recentemente intrapreso un’azione drammatica per garantire che la sua base non perdesse terreno in questo rapido cambiamento a Hollywood. L’anno scorso i membri della IATSE hanno votato per autorizzare la dirigenza sindacale a indire uno sciopero a livello nazionale se l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi non avesse offerto loro condizioni migliori (in seguito hanno raggiunto un accordo). I membri della WGA hanno boicottato le migliori agenzie di talenti fino a quando non hanno firmato un accordo che rendeva prioritari gli interessi degli scrittori.

“[Lo streaming] è stato un selvaggio Far West, e ora dobbiamo saltare in sella e tirare le redini e stabilire le regole di base”, afferma Drescher.

“A volte le PERSONE nel nostro settore tendono a PARLARE MOLTO di ciò che possono fare”, afferma Gabrielle Carteris, “ma Fran LE COSE LE FA DAVVERO”.

SAG-AFTRA rinegozierà il suo contratto con l’Alliance of Motion Picture and Television Producers il prossimo anno, con Drescher alla guida. Riconosce la recente causa (ora risolta) che Scarlett Johansson ha intentato contro la Disney in cui la superstar ha affermato di essere stata sminuita dalla decisione della società di rilasciare Black Widow sulla sua piattaforma di streaming nello stesso momento in cui è andata al cinema durante la pandemia. “Se questo è cosa succede a Johansson, immagina cosa succede alle altre 160.000 persone che rappresento!” dice Drescher. “La pacchia è finita e entro il 2023 spero che io e le persone con cui mi rapporto all’interno del sindacato avremo idee molto creative su come ristrutturare le cose in un modo nuovo che sia equo per tutti”.

Leggi anche:  La Tata, il musical: perché Rachel Bloom è perfetta come sceneggiatrice

Carteris dice di aver incoraggiato la Drescher a perseguire il lavoro a causa del suo interesse per la tecnologia e la sostenibilità, tra le altre cose. “[Fran] vive nel momento reale e comprende che ci troviamo in un ambiente in evoluzione nel nostro settore”, afferma. (Drescher sta formando un consiglio verde di artisti di alto profilo all’interno di SAG-AFTRA, sperando di sostenere politiche eco-compatibili e unirsi ad altri sindacati per ridurre l’impronta di carbonio di Hollywood.) “A volte le persone nel nostro settore tendono a parlare molto di ciò che possono fare”, dice Carteris, “ma Fran fa davvero le cose”.

La faccia di Drescher si accartoccia quando menziono il set di Rust, in cui la direttrice della fotografia Halyna Hutchins è stata colpita a morte quando Alec Baldwin ha maneggiato una pistola a elica. “Tutti sono traumatizzati da quell’esperienza, incluso Alec”, mormora. Drescher vorrebbe che SAG-AFTRA si unisse ai suoi sindacati fratelli per forgiare un codice di sicurezza nazionale rigoroso per l’industria e prendesse il nome da Hutchins.

La Tata mantiene un alto profilo nel presente: compatibile con GIF, meme-ready e abbuffata su HBO Max. La collisione tra la scena teatrale datata della sitcom e l’effervescenza senza tempo di Drescher creano il bagno nostalgico definitivo.

Quando la nostra conversazione si sposta sui recenti tentativi dell’industria di affrontare molestie e aggressioni sessuali, Drescher chiede: “Sai che sono stata vittima di un crimine violento, vero?” Mi racconta di essere stata violentata a vent’anni da un uomo che ha fatto irruzione in casa sua. “Quindi questa è un’area in cui ho esperienza diretta”. SAG-AFTRA ha messo in atto una serie di nuove misure l’anno scorso, tra cui una piattaforma digitale riservata per la segnalazione di incidenti e una nuova serie di standard per la formazione e il lavoro con i coordinatori dell’intimità sul set. Drescher vuole che i perpetratori sappiano che ci saranno conseguenze, indipendentemente dal loro status a Hollywood. “Nessuno, come vediamo ora, è così importante”, dice. “I re cadono”.

Quando era una bambina nel Queens, la Drescher sognava di essere una politica, oltre che una scrittrice, una parrucchiera e un’attrice. “Ho finito per essere tutti loro in modi diversi”, dice con una risatina vellutata. “Non credo di poter fare una cosa ed essere felice. Probabilmente mi annoierei con la routine”. Suo padre era un analista di sistemi e lei pensa di aver ereditato da lui il desiderio di “trovare modi migliori, perfezionare ciò che esiste, non accettare ciò che è. E francamente, quel modo di pensare mi ha salvato la vita perché sono andata da otto medici in due anni che essenzialmente mi dicevano che non c’era niente di sbagliato in me, e quindi ho continuato a cercare di trovare risposte”.

Leggi anche:  Fran Drescher condivide i suoi consigli per affrontare i momenti di crisi 

Dall modo in cui Drescher inquadra la storia della sua vita, sembra che tutto si riduca a quella parola così spesso associata al suo personaggio di Tata: faccia tosta (N.d.T. “chutzpah” in yiddish). “Se non avessi quell’istinto di sfidare l’autorità e continuare a cercare qualcosa che abbia più senso per me”, dice, “probabilmente non sarei viva oggi”. Questo è vero per la sua odissea sul cancro, ma anche per la sua carriera. Lei e il suo allora marito, Peter Marc Jacobson, hanno immaginato per lei un personaggio ne La Tata che era come nessun’altra eroina in prima serata: una donna ebrea sexy e dall’accento grosso, interpretata da una vera attrice ebrea. Quando i dirigenti hanno spinto per rendere Fran Fine italiana, ha rifiutato. “Le aziende americane spesso si preoccupano”, dice ora, 30 anni dopo. “Ma se pubblichi qualcosa di autentico, riconoscibile e non meschino, tutti possono identificarsi con quello.”

drescher-eletta-sagaftra

Drescher ha trascorso anni nelle trincee dei ruoli minori (da Saturday Night Fever a ALF) prima di mettere alle strette il presidente della CBS Entertainment su un aereo nel 1991 e convincerlo di avere l’energia del personaggio principale. Da allora ha creato altre serie e recentemente ha girato una parte nella serie della NBC di Tina Fey e Robert Carlock Mr. Mayor dopo aver completato il film d’animazione Hotel Transylvania: Transformania, ma La Tata rimane una presenza costante nella sua vita. Sta lavorando a un adattamento musicale della serie con Jacobson e Rachel Bloom; la morte nel 2020 del collaboratore musicale dello spettacolo Adam Schlesinger “è stata una grande, grande perdita per noi”, ma stanno continuando ad andare avanti.

La Tata mantiene un alto profilo nel presente: compatibile con GIF, meme-ready e abbuffata su HBO Max. La collisione tra la scena teatrale datata della sitcom e l’effervescenza senza tempo di Drescher creano il bagno nostalgico definitivo. Drescher dice che un potenziale revival di Tata TV dovrà aspettare per non mettere in ombra il musical. Ma nel frattempo, sta valutando l’idea di scegliere qualcuno come Cardi B in un ruolo da bambinaia aggiornato piuttosto che riportare il cast originale. “È un nuovo mondo e sono aperta a tutto”, mi dice con un lampo del suo sorriso gigante e scintillante. Questo vale anche per il suo concerto SAG-AFTRA. “Essere in questo settore da quattro decenni e mezzo mi dà le credenziali per poter smontare tutto e vedere come potrebbe essere fatto meglio per i tempi in cui stiamo vivendo”.

Tradotto e liberamente adattato da Vanity Fair

Altri articoli interessanti per te