Fran Drescher de La Tata svela la decisione che ha messo fine al telefilm

L’attrice de La Tata Fran Drescher ha rivelato in un’intervista a un canale TV australiano una serie di segreti dal dietro le quinte del telefilm di culto degli anni ’90.

Partecipando all’intervista con a fianco l’ex marito (e ora amico) Peter Marc Jacobson, con cui ha creato la sitcom, Fran Drescher ha colto l’occasione per riflettere sulle origini del telefilm, la lunga lista di guest star che vi hanno partecipato, e anche la decisione che ha poi di fatto messo fine alla serie.

drescher-jacobson-intervista-la-tata-sequel

L’attrice ha confessato di aver trovato ispirazione per la serie tv dopo un volo per Parigi, sul quale era seduta di fianco a un dirigente della casa di produzione americana CBS. Prima ancora che l’aereo atterrasse, Fran aveva talmente intortato il suo compagno di volo che lui le aveva detto di chiamare il suo ufficio e fissare un appuntamento per parlare di un’idea per un nuovo programma TV.

Arrivata a Parigi per visitare una cara amica, la top model Twiggy, finí invece con il passare la maggior parte del tempo con la figlia della top model perché la madre era troppo impegnata.

“Ho deciso di portare la figlia in giro così almeno non sarei stata da sola”.

Dopo un divertente weekend passato con la ragazza dodicenne, “non riuscivo a togliermi dalla testa il rapporto che si era creato tra noi. Avevo in mente una variazione a The Sound Of Music, solo che invece di trovare Julie Andrews alla porta ci sarei stata io”.

Fu proprio l’idea che proposero alla CBS, che colse l’opportunità al volo. La Tata divenne un gran successo, grazie anche alla tensione amorosa tra Francesca Cacace e il suo datore di lavoro Maxwell Sheffield (interpretato da Charles Shaughnessy).

Leggi anche:  12 scioccanti verità che forse non sapevi sul telefilm La Tata

Man mano che le stagioni proseguivano però, le pressioni da parte del pubblico si facevano più forti: quand’è che Francesca e Maxwell sarebbero finiti insieme?

francesca-maxwell-storia-amore-la-tata

Col senno di poi, Drescher e Jacobson hanno ammesso che aver ceduto a quelle pressioni è stata la decisione che ha poi di fatto messo fine alla serie TV.

“Quando un programma è basato su una storia d’amore impossibile, devi fare in modo di farla rimanere tale. Al di là di quanto tu possa volere che le due persone finiscano insieme, una volta che succede gli ascoltatori iniziano a perdere interesse” ha aggiunto Jacobson.

“Noi non volevamo che finissero insieme.”

Jacobson ha aggiunto che anche i cambiamenti nella programmazione contribuirono a far scendere gli indici di ascolto nelle ultime stagioni della sitcom, tanto che la casa di produzione diede al cast un ultimatum: fateci vedere il matrimonio o cancelleremo lo show.

“Quindi ci siamo guardati l’uno con l’altro e abbiamo detto ‘Ok, vi faremo avere il matrimonio!'”

maxwell_francesca_matrimonio

La Tata concluse le riprese nel 1999 con un finale di stagione diviso in due parti in cui Francesca dà alla luce due gemelli.

Dopo quasi 20 anni, con telefilm dello stesso periodo come Will & Grace e Pappa e Ciccia da poco ritornati con gran successo sullo schermo, ci sono possibilità di rivedere anche la Tata?

“Non lo faremmo per i soldi. Lo faremmo solo nel caso in cui riuscissimo a trovare una storia plausibile e divertente per raccontare le avventure della tata e della famiglia Sheffield 20 anni dopo”, ha detto Fran Drescher.

“E raccontarle in maniera interessante. Ho degli standard molto alti. A questo punto della mia vita, mi dedico solo a cose che mi fanno sentire le farfalle nello stomaco. Come ha detto Peter (Jacobsen), una volta passata la tensione amorosa dovuta alla storia impossibile, ora Francesca è diventata la moglie, non è più la tata – la storia è andata in quella direzione. Quindi se volessimo riportarla sullo schermo, dovremmo capire da che punto ricominciare e come far evolvere la storia”.

Leggi anche:  Fran Drescher rivela come la violenza subita abbia significato non diventare madre: “Ho perso la mia occasione”

Trovate l’intervista integrale in inglese su questa pagina.

Altri articoli interessanti per te