Renée Taylor (zia Assunta) e la dieta suggerita da Marilyn Monroe

Che lei si ricordi, è sempre stata a dieta. E parliamo di sette decadi perché Renée Taylor, che tra le altre cose ha interpretato il ruolo di zia Assunta ne La Tata, ha 85 anni.

“Quando avevo 11 anni il mio maestro chiamò mia madre per dirle che non riuscivo a stare 5 minuti senza mangiare un bagel”, ha detto l’attrice in un’intervista per il NY Post. Dopo quella telefonata, sua madre iniziò a ritagliare dalle riviste le diete delle star, pensando “se mangiamo come loro, diventeremo come loro!”.

Non sono mai diventate come loro, ma gli sforzi fatti da madre e figlia hanno lanciato Renée Taylor in una vita fatta di alti e bassi anche in fatto di taglie, fino ad arrivare alla 50 e passa. Il suo rapporto con il cibo è stato anche la fonte di ispirazione per un libro e uno spettacolo teatrale, La mia vita a dieta, che debutta a Broadway questa settimana. Lo spettacolo è l’ultima collaborazione della Taylor con suo marito, Joseph Bologna, morto lo scorso agosto, a cui l’attrice fu legata per 52 anni.

renee-taylor-joseph-bologna-la-tata

“Mio marito diceva di amarmi in qualsiasi taglia” ha detto l’attrice di zia Assunta del marito con cui scrisse i dialoghi per alcuni film degli anni ’70: Lovers and Other Strangers, e Made For Each Other. Le aveva solo fatto una richiesta: “Gli piaceva tanto ballare, e quindi mi aveva chiesto di non ingrassare a tal punto che lui non mi potesse più far fare il casqué!”.

La Taylor ha recentemente perso peso grazie a una ritrovata moderazione. La moderazione non è mai stata il suo forte, come ha ammesso lei stessa: “O mi abbuffo o sto a digiuno – non ho mezze misure”.

Questa frase riassume perfettamente le sue diete, inclusa quella raccomandata da Marilyn Monroe. Le due si incontrarono negli anni ’50 all’Actors Studio, e la Taylor ricorda di essere stata sorpresa dalla bellezza della Monroe.

Leggi anche:  5 ragioni per guardare La Tata

zia-assunta-stravagante-la-tata

“Mi ricordo di averle chiesto “cosa mangi per avere un fisico cosi?”. La risposta fu “uva”, così la Taylor iniziò a mangiare uva. Tanta uva. Quando prese ancora più peso, Marilyn Monroe la rimproverò: “devi solo mangiarne un po’!”.

Dopo l’uva arrivò la “dieta della purificazione”, un mix di succo di limone, pepe di cayenna e sciroppo d’acero. Ma la Taylor trassó di nuovo: “Mettevo troppo sciroppo d’acero”.

E poi fu la volta della “dieta dell’ultima occasione”, un libro molto famoso che promuoveva un metodo che Renée Taylor provò negli anni ’70 con un’amica, l’attrice Lainie Kazan.

“Tutto quello che potevi mangiare erano 4 cucchiai di proteine liquide 3 volte al giorno” ha confermato l’attrice. Non ricorda per quanto tempo esattamente seguì la dieta, ma perse 20 chili. “E poi lessi da qualche parte che una persona che seguiva quella dieta era morta, quindi ho chiamato Lainie e le ho detto “forse è meglio se mangiamo qualche proteina in più!”

renee-taylor-la-mia-vita-a-dieta

Quella non fu l’ultima volta che la morte di qualcuno interruppe una dieta. La Taylor ha detto di aver seguito la dieta “Southampton” del Dottor Stuart Berger finché non scoprì che lo stesso inventore della dieta aveva ripreso i 70 chili persi e poi era morto. Poi ci fu la dieta “Scarsdale”, il cui autore, il dottore Herman Tarnower, fu ucciso con un colpo di pistola dall’amante.

“Si dice che l’abbia trovato a letto con un’altra, ma io ho idea che l’abbia ucciso perché voleva interrompere quella dieta!”.

Poi ci fu la dieta “Beverly Hills”, che le consentiva di mangiare ananas tutto il giorno (“una tale noia!”), e la dieta dello champagne, che prescriveva due bicchieri di champagne prima di ogni pasto. “E doveva essere champagne di alta qualità perché aveva meno calorie!”

Leggi anche:  Fran Drescher è ancora 'Francesca Cacace' più di 20 anni dopo La Tata

Nel frattempo, lei e il marito perennemente magro Joseph Bologna  (“Non faceva mai cena!”) vivevano a stretto contatto con attori magri e atletici. La Taylor ricorda Lee Radziwill, magra come uno stecchino, alla prova buffet: “All’inizio prese tre piselli e si sedette al tavolo – scherza l’attrice – poi tornò al banco del buffet e prese due fagiolini… quando tornò al tavolo la volta dopo con tre carote le dissi “ci abbuffiamo di nuovo?”.

Pian piano, l’attrice ha ammesso di aver capito che non era fame quella che sentiva, ma un vuoto che cercava di colmare con il cibo. Quella realizzazione, insieme al regime “snella in 10 giorni” del Dottor Oz (che le proibiva di mangiare glutine, zucchero, alcool e fagioli), la aiutarono a perdere peso e mantenere la nuova figura.

Oggi a colazione mangia dei frutti di bosco con un po’ di yogurt, a pranzo un’insalata mista, e per cena solitamente pesce o pollo e verdure bollite.

“In realtà non esistono diete vere e proprie, è uno stile di vita. Semplicemente, mangiate di meno e bevete più acqua!”

Tradotto dall’articolo originale pubblicato sul NY Post

Altri articoli interessanti per te